Quello che il capitano James Cook non ha scoperto

giugno 12, 2018 spento Di perché

Quello che il capitano James Cook non ha scoperto

Nella prima metà del XVIII secolo, la teoria era molto di moda, sull'esistenza di una grande terra nell'emisfero australe, Terra Australis Incognita, che controbilanciasse le grandi terre che esistono nell'emisfero settentrionale.
A quel tempo, la conoscenza mancava in uno in più, molto importante per il mondo, Astuccio. Ebbene, nel diciottesimo secolo si conoscevano sei pianeti. Mercurio, Venere, Terra, Marte, Giove, Saturno. Urano, Nettuno e Plutone furono scoperti in seguito. Erano note anche le proporzioni tra le dimensioni delle loro orbite. Era noto, per esempio, che Giove è distante dal sole 5 volte più della Terra. Ma quanto lontano?? Quanto è stata misurata la distanza in qualsiasi unità di misura?? Nessuno lo sapeva.
In anni 60 Nel XVIII secolo c'era l'opportunità di ottenere dati, per calcolare la taglia, il nostro sistema solare. Un'eclissi solare si stava avvicinando attraverso il pianeta Venere. L'intero mondo astronomico e geografico della scienza, si stava preparando ad osservare questo fenomeno astronomico. Un team internazionale di ricercatori ha cercato di fare osservazioni in 1761 anno, ma sono stati ostacolati dal tempo e da altri fattori sfavorevoli. Un altro doveva svolgersi in 1769.
E questa è la ragione principale per cui la Royal Society l'ha organizzata [Reale Accademia delle Scienze] wraz della Royal Navy [Marina Reale] la prima spedizione puramente scientifica. Altri, prima complementare, compito, era una conferma o una smentita della teoria della grande massa continentale meridionale, dal latino chiamato Terra Australis e dall'inglese semplicemente, Australia.

Il comando di questa spedizione fu affidato al capitano James Cook, famoso per la sua affidabilità nel documentare le sue attività, profonda conoscenza dell'astronomia e della geometria, quale conoscenza era necessaria per la navigazione. W 1768 Il capitano James Cook su HMS Endeavour parte per i mari del sud. Erano a bordo della HMS Endeavour 94 persone, Compreso 55 le persone sono state contate dall'equipaggio, 14 quadri ufficiali, era una difesa 12 marines, 1 astronomo e 9 "Gentiluomini", su cui Cook non ha avuto alcuna influenza.
Dopo aver circumnavigato Capo Horn, si diresse a ovest. In Aprile 1769 arrivato a Tahiti, dove costruì un osservatorio astronomico e si preparò, con la squadra, per osservare l'eclissi.

Il pianeta Venere è molto piccolo e non copre il Sole come fa, per esempio la luna, causando oscurità completa in certi luoghi della terra. Si osserva il tempo impiegato dal pianeta per passare attraverso il disco solare. Questo è, in poche parole. Hanno osservato questo momento nell'osservatorio astronomico di Tahiti, tre, professionisti, l'astronomo Charles Green, botanico Daniel Solander e Kapitan James Cook. Tre persone quindi, in modo che si potesse trarre qualche mezzo dalle loro osservazioni. Tuttavia, il confronto dei risultati dei tre osservatori non ha prodotto risultati. Le differenze erano enormi. Perché? Nessun tempismo preciso. Cronometro preciso, o meglio, la sua assenza ha già causato molti errori nelle misurazioni e nei calcoli astronomici, così come i disastri marittimi.

Già dieci anni prima, il falegname e orologiaio inglese John Harrison costruì un tale cronometro. Superate le prime prove di idoneità in mare 1761 anni a bordo della HMS Deptford, che ha navigato da Portsmuth, in Inghilterra, a Port Royal, in Giamaica. Il dispositivo, tuttavia, era terribilmente costoso, Penso che i soldi siano stati pentiti. La seconda spedizione del capitano James Cook, però, era già dotata di un cronometro così preciso, che è essenziale per la navigazione, stabilire la longitudine, la posizione designata. A quel tempo, è stato concordato in modo molto preciso, determinare la latitudine della posizione della nave nell'oceano, da osservazioni astronomiche, ma la longitudine era ancora sconosciuta. Questa era la causa, moltissimi, disastri marini.
Osservazioni del passaggio del pianeta Venere attraverso il disco solare, altrove sulla terra, ha dato esattamente gli stessi risultati delle osservazioni a Tahiti. L'opportunità di conoscere le dimensioni del sistema solare è andata, prossimo in 120 anni.
Il capitano James Cook ha proceduto al secondo incarico. Trovare o negare l'esistenza di Terra Australis - Australia. Da Thaiti la spedizione si è svolta, su scoperto dall'olandese Abel Tasman, Nuova Zelanda, su cui puoi rifornire le tue scorte, necessario per continuare verso ovest.

La Nuova Zelanda si è rivelata essere due Nuova Zelanda. Vaso esposto, che Abel Tasman si è perso, Il capitano James Cook dà il suo nome, perché era la sua prima scoperta geografica e la Nuova Zelanda, è rimasto in Nuova Zelanda.
Dalla Nuova Zelanda, HMS Endeavour ha navigato sulle orme di Abel Tasman verso la terra di Van Diemen, Tasmania oggi. Il cuoco sapeva , quella a sud della terra di Van Diemen, non c'è nulla, perché Abel Tasman navigherà intorno ad esso da sud e Magellano navigò ancora più a sud e inoltre non trovò alcuna terra. Sulla Terra, van Diemen doveva rifornirsi, di nuovo, inventario e decidere l'ulteriore direzione della ricerca.
La vita conosce casi diversi e per ragioni a noi oggi sconosciute, forse i venti lo avevano spinto verso il basso o qualche momentanea corrente marina, o solo un errore di controllo, o navigazione, La prima nave da ricerca di HMS Endeavour, deviato fuori rotta. Non tanto, su alcuni 3 gradi nord. A causa di una deviazione dal percorso, la spedizione non è arrivata sulla Terra di van Diemen, ma un po' a nord. Il luogo, raggiunto da HMS Endeavour, era la costa sud-orientale dell'attuale Australia, ci sono città presenti lì: Orbost e Mallacoota, Victoria. Il capitano Cook ha chiamato questo posto Point Hicks. L'esperto capitano Cook sapeva, che in una situazione del genere, dirigersi a sud non ha senso. Ha girato la nave verso nord, tutto il tempo tracciando la costa della nuova terra. La spedizione ha scoperto la baia, in cui è rimasta più a lungo. La penetrazione costiera non ha portato molte novità, a parte l'avvistamento di un peloso molto interessante, chi non camminava, ma saltò e molti altri esemplari finora sconosciuti di flora e fauna. Zatoka è stato chiamato "botanico", il sud di Sydney di oggi. Ecco, Cook ha preso nota, che questo sito è un luogo di atterraggio ideale per i primi futuri coloni.

Pages: 1 2